+39 334.7399665 / +39 348.8545620 - +39 0577 48112
Spedizione in Italia
GRATUITA!
Spedizione in Italia
GRATUITA!
 x 
Carrello vuoto
Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *

CUCITURA "GOODYEAR"

Per comprendere pienamente cos'è una cucitura "Goodyear" o "Norvegese" è necessario conoscere innanzitutto gli elementi fondamentali che compongono una scarpa...
LA FORMA
L'espressione artistica dello stile che la scarpa assumerà.
LA TOMAIA
L'insieme di tutte le parti in pelle tagliate e cucite tra loro che formano il modello della scarpa.
IL SOTTOPIEDE
In cuoio morbidissimo è l'anima della scarpa al quale si regge la tomaia sagomata della forma.
IL GUARDOLO
La striscia di cuoio che cucita insieme alla tomaia ed al sottopiede delinea il perimetro della sagoma della suola.
LA SUOLA
L'ultimo elemento che cucita al guardolo completa la scarpa.
Oltre al puntale, il contrafforte e l'intersuola esclusivamente realizzati in cuoio, la fodera in vitello ed almeno altri 20 e più elementi che servono a realizzare un solo paio di scarpe.
Ciò che rende unica una scarpa è la maestria con la quale si fondono tra loro questi elementi.
LA CUCITURA GOODYEAR
è la lavorazione più stimata tra le nostre creazioni.
La sua costruzione inizia dopo che la tomaia, abilmente tirata ed inchiodata sulla forma, ottiene la sua sagoma.
Ago e filo tra le mani dell'artigiano si intrecciano insieme tra la tomaia, il sottopiede ed il guardolo. Una volta cuciti insieme questi elementi, si aggiunge del sughero naturale come intercapedine tra il sottopiede e la suola in cuoio che sarà applicata cucendola al guardolo, si otterrà così abilmente un solo corpo legato.
Per compiere una cucitura Goodyear si impiegano molte ore, il procedimento è lento perchè dettato dalle tempistiche della manualità. La cucitura tra gli elementi avviene passando da parte a parte lo spago, forando a mano il solco che la accoglierà, punto dopo punto.
La tomaia e le altre parti non sono perforate ed è l'artigiano che delinea il tratto della cucitura. E' un operazione che richiede tempo e concentrazione, un lavoro molto scrupoloso che può essere ricompensato solo se eseguito con estrema calma.
Stimata lavorazione per chi sceglie una scarpa resistente ma al tempo stesso comoda e morbida.
LAVORAZIONE NORVEGESE
La cucitura Norvegese
è una delle lavorazioni più laboriose tra le nostre creazioni.
La sua realizzazione inizia dopo che la tomaia, abilmente tirata ed inchiodata sulla forma, ottiene la sua sagoma. Occorrono tre cuciture per completare l'opera di questa complessa lavorazione.
E' l'artigiano stesso che delinea il passo dell'impuntura visibile esternamente, decidendone la cadenza punto dopo punto adornando e legando le parti che compongono la scarpa.
La prima cucitura lega la tomaia al sottopiede, la seconda lega ancora la tomaia, dopo essere stata rovesciata esternamente, alla suola di mezzo. E' evidente quindi che in questa lavorazione il bordo che gira lungo il perimentro della scarpa e quindi della suola, è determinato non dal guardolo, ma da una vera e propria suola di mezzo. Chiamata "intersuola". A questa quindi viene poi cucita la suola finale creando così un unico corpo legato.
Questa complessa ed affascinante lavorazione è adatta per chi sceglie un tipo di scarpa robusta e solida.
Altre costruzioni adoperate nei nostri laboratori per le diverse esigenze della nostra clientela sono anche quelle della lavorazione:
"Tubolare cucito su forma" ovviamente realizzata a mano, per ottenere il massimo della flessibilità ed indicato per una calzatura prevalentemente estiva; la lavorazione "Bologna" per raggiungere un alto tasso di elasticità e comodità; la lavorazione "Tirolese", l'evoluzione di quella Norvegese ma ancora più complessa e seducente dal tratto marcato e deciso.
Impercettibili imperfezioni sono la dimostrazione che la mano dell'uomo, a differenza delle macchine, non è perfetta.
COLORAZIONE DELLE PELLI
La colorazione avviene, esclusivamente a mano, con la scarpa ancora in forma. Le pelli in origine sono tutte nel colore naturale.
E' l'ultima e la più affascinante fase di lavorazione che si compie sulla scarpa, è il tocco finale che esalterà l'immensa manualità nascosta in una scarpa artigianale.
Il risultato della colorazione scelta, si ottiene dopo 3 giorni e con oltre 10 passaggi. Creme, colori, lucidi si alternano e penetrano a fondo tra i pori della pelle con tempi lenti, colorando fino ad ottenere nuance esclusive che difficilmente pelli già tinte possono esprimere.
Anche il colore nero viene tratto da questo procedimento.
Processi complessi ed articolati, come un'artista fa con la propria tela, per ottenere sfumature originali che esprimono la vera personalità della Scarpa.
SEGRETI E CONSIGLI PER LA CURA DELLE VOSTRE SCARPE
Seguendo alcune regole per il miglior mantenimento di una scarpa Paolo Scafora, scoprirete i segreti per una lunga vita di una scarpa artigianale, creata per durare nel tempo:
E' necessario dopo aver indossato le scarpe lasciarle riposare nei tendiscarpe in legno che, oltre ad avere la funzione di stendere la pelle e la fodera, aiutano ad assorbire l'umidità del piede.
Non usare mai fonti di calore dirette per asciugare le scarpe, la pelle potrebbe seccarsi e/o screpolarsi.
Utilizzare solo prodotti di alta qualità per la manutenzione e la cura delle scarpe. I pellami ed i materiali con i quali sono state realizzate, hanno bisogno, nel tempo, di prodotti che le nutrano e ne rallentino il processo di invecchiamento.
Le creme più indicate sono quelle a basso tasso di cera, ingrediente fondamentale per una corretta manutenzione se, adoperato in dosi non eccessive. Usare una tonalità più chiara rispetto al colore della scarpa per non alterarne il tono.
E' indispensabile ripulire le tomaie in pelle con un panno (appena umido) prima di applicare la crema, avendo cura di stenderla bene e su tutte le parti.
Dopo averle lasciate asciugare per qualche minuto, si passa alla lucidatura, usando un panno di lana che verrà passato lustrando la scarpa accuratamente.
Per le scarpe comunemente considerate in "camoscio" c'è da fare un netta distinzione:
In "Vitello Scamosciato", che a dispetto di quanto si possa credere sono ideali per la pioggia, si usano prodotti delicatissimi che fungono da veri shampoo incolore e se necessario, adoperare spazzole con sola gomma o setole di crine morbida miste a rame armonico (metallo morbidissimo) che aiutano a portare via lo sporco ed a ridare il verso al pelo.
In "Capre Scamosciate", più delicate delle prime, sono da trattare esclusivamente con spazzole di gomma.
Il fattore principale per una corretta manutenzione delle scarpe è l'utilizzo e la cura che se ne avrà.
E' quindi preferibile e consigliato non indossare lo stesso paio di scarpe per più giorni consecutivi ed effettuare tutte le fasi di lucidatura e pulitura con i tendiscarpe in legno inseriti..

 

Letto 1911 volte
Newsletter
Top
Webdesign Joomla!

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze - Policy - Accetto i cookies